Playtech: La piattaforma per giocare d’azzardo online

Certo un’operazione del genere -fusione o scalata tra Playtech e Ladbrokes- sarebbe un “movimento” del mondo del gioco d’azzardo da far “tremare i polsi” sia per i contenuti di questa “unione” sia da un punto di vista di forza economica. Unendo Playtech, società proprietaria di iPoker seconda piattaforma mondiale di poker online, e Ladbrokes famosissimo bookmaker si avrebbe una “potenza” tale da sbaragliare qualsivoglia concorrenza.
In Grand Bretagna si “vocifera” che Teddy Sagi -numero uno di Playtech- stia muovendo il mercato finanziario, ovviamente non direttamente, facendo rastrellare sul mercato azioni pari al 3% del capitale con un investimento di 37,1milioni di sterline. Sagi starebbe usando fondi personali che non per la scalata a Ladbrokes e la sua “intelligenza commerciale, finanziaria e di business” che l’ha portato a fondare la software house più famosa nel mondo del gambling ed è ritenuto tra i trenta uomini più ricchi di Israele se si è mossa in questa direzione, vuol dire che lì c’è o ci sarà “business”.
Sagi, astuto affarista, vorrebbe avere il controllo diretto di Ladbrokes che è già partner di Playtech per rilanciare il noto brand online e la voce di una grossa acquisizione da parte della società israeliana è sempre più presente sul mercato dal momento che Playtech ha presentato i rendiconti semestrali con importanti riserve di cassa (cifre che si avvicinano a 576milioni di dollari). “Gira” anche sempre più prepotente la voce, sembra concreta, di una fusione tra le due aziende e questa voce sembra proprio quella alla quale “dare ascolto”.

I commenti sono chiusi.